Archivi tag: Trieste FF

TRIESTE FF, UNO SGUARDO SULL’EUROPA CENTRO-OCCIDENTALE

di CAMILLO DE MARCO

Principale appuntamento italiano con il cinema dell’Europa centro-orientale, il Trieste Film Festival giunge alla sua ventiseiesima edizione, e allunga la sua programmazione di un giorno, dal 16 al 22 gennaio 2015.

trieste-film-festival-2015

Ad aprire la rassegna diretta da Annamaria Percavassi e Fabrizio Grosoli sarà Two Women, della regista russa Vera Glagoleva, dramma in costume tratto dalla pièce teatrale di Turgenev “Un mese in campagna” e interpretato dall’attore inglese Ralph Fiennes (Grand Budapest Hotel) e dall’attrice francese Sylvie Testud. Tra gli ospiti del festival, Krzysztof Zanussi, che terrà un’attesa masterclass il 18 gennaio e presenterà a Trieste in anteprima italiana il suo ultimo film, Foreign Body, una coproduzione tra Polonia, Italia e Russia girata ad Ancona, Varsavia e Mosca.

Nucleo centrale del programma rimangono i tre concorsi internazionali che ogni anno fanno il punto sulla produzione più interessante dei paesi di riferimento del festival. Anche quest’anno i premi al Miglior lungometraggio, al Miglior cortometraggio e al Miglior documentario saranno attribuiti dal pubblico.
Nel Concorso internazionale lungometraggi ci sarà Urok (The Lesson) dei registi bulgari Kristina Grozeva e Petar Valchanov, premiato a San Sebastian, e Simindis kundzuli (Corn Island) del georgiano George Ovashvili, che ha vinto il Grand Prix e il Premio della Giuria Ecumenica al Festival di Karlovy Vary 2014 ed è nella short list del miglior film straniero ai prossimi premi Oscar. Viktoria di Maya Vitkova, anch’essa di nazionalità bulgara, è stato presentato al Sundance Festival.

Varvari (Barbarians), girato dal serbo Ivan Ikić con attori non professionisti che ha ricevuto una menzione speciale all’ultimo Festival di Karlovy Vary, mentre Cesta ven (The Way Out) di Petr Václav è una dramma coprodotto da Rep. Ceca e Francia, presentato nella rassegna ACID del Festival di Cannes 2014. Risttuules (In the Crosswind) dell’estone Martti Helde, è stato presentato recentemente al Festival di Toronto; Drevo (The Tree) della slovena Sonja Prosenc ha avuto la sua premiere mondiale al Festival di Karlovy Vary; Kosac (The Reaper) di Zvonimir Juric è una coproduzione Croazia-Slovenia presentata all’ultimo Festival di Toronto. Infine Sto spiti (At Home), del regista greco Athanasios Karanikounalas, ha vinto il Premio Ecumenico al Forum della Berlinale 2014. Il film di chiusura del festival è Miasto 44 (Warsaw 44) di Jan Komasa, la più imponente produzione del cinema polacco del 2014.

Tra le novità dell’edizione 2015 ci saranno le proiezioni dei film del Lux Prize. Sarà possibile vedere al festival 8 dei 10 film selezionati dal comitato del Premio, tra cui Ida, il film che si è aggiudicato il premio nel 2014.
L’edizione 2015 di WHEN EAST MEETS WEST prevede tre giorni dedicati a produttori, broadcasters, sales agents, distributori, fondi regionali provenienti da Italia, Europa dell’Est e da una singola regione in focus diversa ad ogni edizione. Quest’anno è la volta dei Paesi anglofoni: UK, Irlanda, Canada e USA.